VENERDÌ 27 NOVEMBRE 2020
  • Croce Siciliana Assistance

 

Intanto, nel pomeriggio è giunta notizia che è saltato l’incontro tra gli esponenti del governo regionale e quelli del governo nazionale, motivo per il quale la delibera non va avanti e la situazione dei forestali resta invariata.
I lavoratori dichiarano di non rassegnarsi e non arrendersi, soprattutto non vogliono rischiare di perdere, dopo anni, il lavoro, e di tornare quindi a protestare a oltranza, finché la delibera non sarà approvata.

Palermomania.it ha anche ascoltato il parere di Giuseppe Fiore, segretario aggiunto  del Si.F.U.S, l’organizzazione sindacale che oggi ha organizzato questo presidio permanente: «Abbiamo chiesto alle autorità competenti tutte le autorizzazioni per proseguire nella nostra protesta anche per l'intera settimana prossima, fin quando non raggiungeremo l’obiettivo di essere reintegrati al lavoro - spiega Fiore -. Dopo 24 anni di precariato è vergognoso che fino a ieri ci avevano garantito i 78 giorni, e non ci saranno neanche questi, così il nostro comparto sembra destinato a scomparire. Diciamo "no" a questa idea distruttiva dell’economia, essendo noi una risorsa, c’è quasi un attacco della politica nei nostri confronti, e vogliamo essere produttivi. Avevamo già presentato, 4 anni fa, una legge di iniziativa popolare sulla base della stabilizzazione di tutto il settore, in un quadro produttivo e di tutela e salvaguardia del territorio. Quindi sappiamo bene che, facendo un’accurata programmazione, potremo essere utili anche per la collettività».

", "image": { "@type": "imageObject", "url": "https://www.palermomania.it/public/news2014/news_img1_79180_Figuccia_incatenato.JPG", "height": "600", "width": "800" }, "publisher": { "@type": "Organization", "name": "Palermomania.it", "logo": { "@type": "imageObject", "url": "https://www.palermomania.it/images/layout/logo_palermomania.png", "height": "130", "width": "720" } } }

Cronaca e politica