LUNEDÌ 12 NOVEMBRE 2018

Rimane ancora da stabilire se il canone sarà rateizzato nelle bollette bimestrali della luce o arriverà con un bollettino distinto annuale a tutti i titolari di un’utenza elettrica, così come è da concordare la cifra media che dovrà essere versata dai contribuenti: al momento si starebbe ragionando intorno ai 60 euro. Chi è sotto la soglia Isee di 7.500 euro potrebbe non pagare affatto o usufruire di uno “sconto”, mentre gli altri verserebbero un importo che va dai 60 agli 80 euro. Il ministero dello Sviluppo Economico ha svolto una simulazione, basata sugli ultimi dati dell’European Broadcasting Union, secondo cui pagando 60 euro il canone sarebbe tra i più bassi d’Europa.
È già stato deciso, invece, che a pagare saranno non solo i possessori dell’apparecchio televisivo, ma anche degli altri dispositivi, come tablet e smartphone, anche se questo punto verrà specificato in un decreto ministeriale dopo il via libera alla riforma.

", "image": { "@type": "imageObject", "url": "https://www.palermomania.it/public/news2014/news_img1_67342_canone_rai.jpg", "height": "379", "width": "525" }, "publisher": { "@type": "Organization", "name": "Palermomania.it", "logo": { "@type": "imageObject", "url": "https://www.palermomania.it/images/layout/logo_palermomania.png", "height": "130", "width": "720" } } }

Economia e lavoro

Letto 13998 volte